api e miele Valmarecchia oggi: la filosofia aziendale

(l’artigianato tecnologicamente avanzato a conduzione familiare)

Api e miele Valmarecchia è un progetto di azienda artigianale altamente professionalizzata a conduzione familiare, con una produzione diversificata su quasi tutti i settori possibili dell’impresa apistica: miele, api, api regine, pappa reale, propoli, polline, chouchen o idromele, acquavite di miele, aceto di miele.A questi si accompagnano prodotti composti con il miele come confetture, castagne, liquori al miele.

veduta della tenuta

Nata nel 2002, ha puntato tutto su professionalità ed investimenti, cercando il massimo di qualità possibile nelle varie produzioni; e questa impostazione ha consentito, e consente, di sfruttare i vantaggi della diversificazione: una flessibilità estrema agli andamenti stagionali e di mercato.

Realizzata una testa di ponte che permette all’azienda di camminare con le proprie gambe, gli ulteriori sviluppi potranno essere decisi adattandosi ad una situazione che, come per tutta l’agricoltura, è fra le più incerte che si possano immaginare. Le uniche cose certe sono che:

  • I grossi numeri dell’industria e l’alta qualità dell’artigianato sono incompatibili, per cui è confermata la scelta dell’artigianato altamente professionalizzato e tecnologicamente avanzato.
  • I mercati di alta qualità sono gli unici che permettono una filiera corta remunerativa; ma sono veramente molto ristretti ed ottenere un reddito decoroso con una sola specializzazione produttiva è praticamente impossibile, per cui è confermata la diversificazione.
  • La qualità è particolarmente remunerativa per il produttore se la filiera è molto corta e i costi di distribuzione molto contenuti; per cui è confermata la ricerca del contatto il più possibile ravvicinato con il consumatore.
  • La filiera corta ha un limite logistico, che può essere superato solo con forme di commercio diverse dal tradizionale.

Ad oggi 2012 il progetto iniziale si ritiene realizzato e confermato nelle sue linee essenziali; e pur mantenendo le diversificazioni produttive attuali, per il futuro si prevede di sviluppare ancora di più la selezione e l’allevamento in purezza dell’ape italiana ligustica, con particolare riferimento ad un indirizzo di selezione che veda come caratteristica fondante la rusticità centro-italica appenninica.